I consigli sull’orto di nonno Giorgio

21 Settembre 2021

Pomodori, insalata, zucchine, peperoni, melanzane, cetrioli.


Questi sono solo alcuni degli ortaggi che si possono trovare nell’orto di nonno Giorgio, a cui non importa se le verdure crescono in fretta o con qualche settimana di ritardo, perché con i suoi consigli gli ortaggi crescono belli e saporiti sempre.

Per coltivare un bell’orto in ogni stagione non bastano solo passione e pazienza, ma la costanza di prendersene cura ogni giorno.

Che sia un orto in giardino, un orto sul balcone o coperto da una serra, con questi semplici “trucchi del mestiere” avrai verdure di qualità durante tutto il periodo di crescita.

Nonno Giorgio in azione

Per prima cosa il nonno vuole sfatare il mito che in serra le verdure vengano meno saporite, anzi, vengono più belle sicuramente, perché sono riparate dalla pioggia, dal vento, dalla grandine e da tanti ospiti indesiderati che aspettano il momento giusto per banchettare con i tuoi ortaggi, come i merli o i topi.

Un altro aspetto importante per mantenere in salute la piantagione, è quello di assicurarsi che le piantine abbiano la giusta esposizione solare, ossia, che la maggior parte della giornata ricevano il sole direttamente.

Il secondo aspetto è quello di acquistare le piantine di ortaggi di piccole dimensioni.

Se si acquistano piante già grandi e sviluppate infatti, non cresceranno bene e renderanno poco a prescindere da come verranno coltivate.

Nonno Giorgio, sconsiglia assolutamente di utilizzare pesticidi o fertilizzanti chimici, sono questi ultimi che rovinano il gusto alle verdure.

Usandoli potrai avere pomodori rossi e belli, simili a quelli del reparto ortofrutta, ma ne altereranno però il sapore.

“Se vuoi verdure buone il segreto è il concime!”.

Lui utilizza un concime detto:” stallatico” al 100% organico e, per la precisione, di origine equina, che va sparso nell’ orto sopra al terreno prima di essere arato.

Questo concime dà nutrimento alla terra e la ossigena senza forzare la crescita delle piante come fanno i composti chimici.

Molto importante è anche l’irrigazione, dice Nonno Giorgio, il terreno deve essere sempre umido per la crescita vigorosa degli ortaggi.

“Quando l’orto vuole l’acqua, lo capirai sicuramente, perché lui ti parla!”

Se la tua piantagione è a cielo aperto, irriga ogni giorno, al mattino presto o alla sera tardi, tranne nei giorni di pioggia, e lascia che la terra si asciughi il giusto, prima di rifarlo il giorno successivo, per non annegare le piantine.

L’orto nella serra, invece, non potendo ricevere acqua piovana, l’irrigazione dipende sempre e solo da te.

Giorgio, dice che basta osservare il colore del terreno e le foglie delle piante, per capire quando è tempo di annaffiare.

La raccolta dei pomodori

Un altro consiglio del nonno è che le piante devono respirare, per cui prima di acquistare una serra per orto nuova o una serra usata, è importante dotarla di almeno due porte e alcune finestre sul tetto, e lasciarla sempre aperta per consentire la giusta aerazione.

L’unica accortezza che si deve avere, è quella di richiuderla in caso di pioggia o maltempo.

Con questi consigli dovresti riuscire ad avere il tuo orto ben fornito da maggio a settembre di tutti gli ortaggi estivi e con una serra, il nonno dice, si riesce a prolungare la produzione di 5/6 settimane e a coltivare meglio anche gli ortaggi invernali.

Come ultima cosa, lascio con un pensiero della nonna: ”ricordati che l’estetica non è tutto, il sapore è ciò che conta” e questo è dato, solo, da un metodo di coltivazione più naturale possibile. 

Stylserre - serre e coperture esterne © 2024 | All Rights Reserved